Associazione britannica degli apicoltori

L' Associazione britannica degli apicoltori (BBKA-British Beekeepers Association) è un ente di beneficenza che rappresenta 25.000 appassionati apicoltori che mira a innalzare gli standard nell'apicoltura. Questo gruppo fondato nel 1874 è noto per i suoi programmi educativi, le conferenze e i workshop.

Le loro iniziative comprendono:

  • Promuovere l'importanza delle api mellifere e dell'impollinazione
  • Educare al mestiere dell'apicoltura
  • Portare avanti la campagna contro l'uso dei neonicotinoidi, una classe di insetticidi
  • Sostenere la ricerca sulle api, ad esempio sulla salute e il comportamento delle api

Un recente programma prevedeva l'accoglienza degli studenti per le visite all'apiario con sede presso il Centro nazionale di apicoltura nel Warwickshire. Diane Drinkwater, presidente del comitato esecutivo, osserva: "Questo ci consente di condividere il nostro amore per le api da miele con gli studenti e integra le nostre risorse online". La sezione "Le api nel curriculum" del sito Web BBKA fornisce fogli di lavoro e idee per attività che le scuole possono incorporare nei programmi delle lezioni.

Il loro sito Web interagisce con il pubblico anche tramite una "mappa degli sciami" degli apicoltori membri che danno consigli sulle api e organizzano la raccolta di sciami.

Difendersi dagli attacchi dei bot

La BBKA si è candidata al Progetto Galileo nel maggio 2022 dopo aver riscontrato un aumento del traffico di bot. Il consulente Mark Oakley, tecnico informatico e per la sicurezza Web, commenta di essere curioso di vedere quale protezione il programma potrebbe fornire all'associazione. Consapevole dell'importanza della sicurezza informatica dopo un attacco DDoS ha reso inoperativo il loro sito Web nel 2016; l'ente di beneficenza è stato preso di mira con alcuni tentativi infruttuosi di compromissione della posta elettronica aziendale.

Dopo l'onboarding, Oakley e il suo team sono diventati molto più consapevoli della quantità di traffico di bot che stavano riscontrando e hanno installato rapidamente le loro difese. "Cloudflare ci ha riasserenato visto che questo traffico veniva bloccato", ha affermato Oakley.

Espansione agli strumenti Zero Trust

Dopo la comunicazione della Impact Week 2022 che i prodotti Zero Trust venivano aggiunti al Progetto Galileo, la BBKA ha aggiunto misure per proteggere il proprio network, i dipendenti, fiduciari e volontari.

Finora, la BBKA sta utilizzando la suite Cloudflare One Zero Trust per:

  • Bloccare l'accesso ai siti di malware per il personale in sede tramite Cloudflare Gateway
  • Proteggere le connessioni cellulari di fiduciari e volontari incoraggiando l'uso di WARP
  • Difendersi dagli attacchi di phishing che prendono di mira dipendenti, fiduciari e volontari usando la protezione e-mail Area 1

Oakley apprezza particolarmente la capacità di Browser Isolation remoto di ridurre i rischi di fare clic sui collegamenti nelle e-mail. E commenta: “In meno di due settimane dall'implementazione, le e-mail aziendali compromesse che impersonavano le persone chiave di BBKA venivano bloccate”. “Avere Cloudflare in azione ci rasserena sapendo che stiamo adottando misure per proteggerci dai rischi della connessione a Internet.”

Associazione britannica degli apicoltori
In collaborazione con
    Prodotti correlati

      Cloudflare ci ha rassicurato sul fatto che questo traffico veniva bloccato.

      Mark Oakley
      Consulente Tecnico Informatica e Sicurezza Web