Crisp

Crisp utilizza il bilanciamento del carico di Cloudflare per migliorare le prestazioni globali della loro applicazione di customer relationship.

Crisp is a SaaS based customer relationship application, providing customers with features such as a chat box, email replies, and an operator dashboard to quickly reply to customer queries. Crisp targets the unpenetrated markets of Eastern Europe, Asia, and the Middle East, where a customer relationship solution doesn’t exist or customers are in need of replacing outdated and expensive legacy technology.

Crisp’s Challenge: Ensure Global Performance While Maintaining Local Infrastructure

Espandendosi, Crisp ha voluto minimizzare i costi fissi aggiuntivi mantenendo la propria infrastruttura in Europa, pur continuando a offrire ai clienti una piattaforma altamente performante. Valérian Saliou, CTO presso Crisp, spiega: “All’inizio avevamo un molti problemi con la latenza in Asia, perché rubava del tempo ai contenuti dinamici della nostra applicazione chat per andare avanti e indietro tra l’utente e i nostri server in Europa. Abbiamo usato il CDN di Cloudflare fin dal primo giorno, e questo ci ha aiutato immediatamente a migliorare la distribuzione delle risorse statiche di un paio di secondi. Volevamo però ottimizzare ulteriormente la distribuzione dei nostri contenuti dinamici, con una soluzione che ci avrebbe consentito di mantenere la nostra infrastruttura in Europa.”

crisp-avg-load-time

Crisp’s Solution: A Cloud-Based, Global Load Balancer

When Crisp saw Cloudflare’s Load Balancing Early Access offering, they opted into the program to see if they could leverage it to help with the latency they were seeing with dynamic content. Cloudflare’s Global Load Balancing routes Crisp’s customers to the origin server closest to them, which not only shortens the distance content needs to travel, but also allows for cryptographic termination closer to the end user—ensuring minimal latency for the end user. The results were better than Crisp could’ve hoped— “When we rolled out Cloudflare Load Balancing,” Saliou explained “to route traffic across our atlas of websocket servers (tunneled into our core infrastructure through a VPN), we immediately got messages from customers in Asia and Oceania thanking us for the improvement.” With Load Balancing, Crisp saw latency times of their dynamic content drop an additional 2-3 seconds . Plus, with Health Checks and Failover built into Cloudflare Load Balancing, Crisp’s customers enjoy continual unfettered performance through Crisp’s ability to monitor the health of their websocket servers and automatically shift traffic to healthy servers when a server is experiencing poor performance.

Quando Crisp ha rilasciato il suo API al pubblico, ha osservato anche i vantaggi della protezione DDoS e di Page Rules di Cloudflare. “Di default utilizziamo Cache Everything per risparmiare sulla banda, e poi Page Rules per specificare le eccezioni per il nostro API, e differenti TTL per determinati servizi” ha dichiarato Saliou. Inoltre, Crisp gode della nostra protezione per il suo API, con la protezione DDoS di Cloudflare. “Finora abbiamo fermato 2 attacchi che stavano cercando di mettere offline il nostro API con la modalità “I'm Under Attack”, e non abbiamo subito nessuna interruzione di servizio” ha spiegato Saliou.

“Anche senza considerare i costi, che sono un elemento essenziale nel nostro processo decisionale, Cloudflare è comunque meglio dei concorrenti nelle condizioni del servizio, nell’implementazione iniziale e nella facilità di utilizzo” ha concluso Saliou.

Case study correlati
Risultati principali

Il bilanciamento globale del carico ha ridotto la latenza di 2-3 secondi per i clienti internazionali

La modalità I'm Under Attack riduce gli attacchi DDoS senza causare interruzioni del servizio

Scalabilità internazionale conveniente mantenendo un'infrastruttura locale

Cloudflare ha ottimizzato la qualità del servizio e ridotto i tempi di risposta di Crisp. Rappresenta la standardizzazione di un'infrastruttura di rete altrimenti costosa per le masse. Non potremmo vivere senza.

Valérian Saliou
CTO