Ampersand

Controllo del modo in cui i contenuti AMP vengono serviti e monetizzati

Con una media delle persone che trascorre il 65% del tempo digitale usando uno smartphone, gli editori vogliono fornire l'esperienza mobile più veloce e coinvolgente possibile. Le esperienze lente e scomode sono frustranti per i visitatori. Gli utenti insoddisfatti che lasciano le pagine prima di diventare clienti potenziali comportano una perdita di ricavi pubblicitari e una riduzione del numero di lettori complessivo. Google ha creato l'AMP Project per aiutare a risolvere questi problemi per gli editori.

Ampersand fornisce agli editori una cache completamente conforme allo standard AMP che viene costantemente aggiornata con i miglioramenti AMP più recenti. Quando si utilizza Ampersand, gli editori ottengono i vantaggi delle prestazioni di AMP senza dover smettere di controllare il dominio dal quale vengono serviti i loro contenuti. Con le app di Ampersand, gli editori possono monetizzare facilmente le pagine AMP mantenendo comunque la conformità.

Accelerated Mobile Links

basati su AMP caricano collegamenti esterni abilitati per AMP all'interno di una finestra di visualizzazione, all'interno della stessa scheda, almeno 3 volte più velocemente delle normali pagine caricate su dispositivi mobili.

Ulteriori informazioni

AMP Viewer SDK

Consente di personalizzare l'aspetto del visualizzatore AMP che serve il contenuto dei visitatori.

Ulteriori informazioni

Parla con noi!

App AMP di Cloudflare

Attivando VigLink, gli editori possono monetizzare facilmente i loro contenuti esistenti con collegamenti che generano guadagni aggiunti automaticamente ai contenuti. Gli editori devono solo registrarsi con VigLink e abilitare l'app nel dashboard di Cloudflare per iniziare a monetizzare i loro contenuti AMP.

La piattaforma di monetizzazione 33Across' consente agli editori di pubblicare inserzioni con un'elevata visibilità, attirando un gran numero di acquirenti di qualità ad AMP senza apportare modifiche al back-end.

L'app Google Analytics consente agli editori di includere facilmente Google Analytics nelle pagine AMP seguendo procedure consigliate. Ogni volta che è disponibile un aggiornamento alla versione del tracker di Google Analytics o alla modalità in cui dovrebbe essere incluso, l'app lo installa automaticamente.

Cache AMP di Cloudflare

La cache AMP di Cloudflare si trova in più di 152 posizioni ed è l'unica cache non di Google nell'ecosistema AMP. È basata sulla nostra rete CDN resiliente agli attacchi DDoS ed è in grado di accelerare il recapito dei contenuti AMP sia per gli utenti con una connessione Internet ad alta velocità sia per gli utenti con connessioni più lente. A differenza delle pagine AMP servite tramite Google, le pagine servite dalla cache AMP di Cloudflare usano il tuo dominio. In questo modo, potrai mantenere un'esperienza di promozione del tuo brand coerente per tutti gli utenti di dispositivi mobili senza dover sacrificare la velocità.

Le pagine abilitate per AMP sul tuo sito Web sono memorizzate in modo sicuro nella cache AMP di Cloudflare, garantendone la conformità alle regole di convalida delle specifiche HTML di AMP e controllandone i potenziali rischi per la sicurezza (come gli attacchi XSS).

Vantaggi di AMP

I proprietari di siti Web vogliono fornire l'esperienza più veloce e coinvolgente possibile, ma le esperienze lente sui dispositivi mobili sono frustranti per i visitatori. Con utenti di dispositivi mobili abituati alla reattività delle app native, non sorprende che il 53% delle visite ai siti per dispositivi mobili non prosegua se il caricamento delle pagine richiede più di 3 secondi.1/p>

Gli editori, tra cui BuzzFeed, BBC, DailyMail, The Economist, The Guardian, Huffington Post, Mashable, The New York Times e Wired, hanno ottimizzato più di 600 milioni di pagine di nuovi contenuti tramite il formato HTML AMP. Il Washington Post, inoltre, ha riscontrato un aumento del 23% nel numero di utenti che effettuano ricerche da dispositivi mobili che tornano sui contenuti AMP entro 7 giorni.2

1 http://cfl.re/2j1TsQD

2 http://cfl.re/2jklFSk

53%

delle visite ai siti per dispositivi mobili

non prosegue se il caricamento delle pagine richiede più di 3 secondi1