DNS dinamico

Il DNS dinamico può aiutare a garantire che le query DNS funzionino anche se il servizio Web richiesto ha recentemente cambiato indirizzo IP.

Share facebook icon linkedin icon twitter icon email icon

DNS dinamico

Obiettivi di apprendimento

Dopo aver letto questo articolo sarai in grado di:

  • Definire il DNS dinamico
  • Comprendere perché è necessario il DNS dinamico

Che cos'è il DNS dinamico (DDNS)?

Molte proprietà web, come API o siti Web, vengono eseguite su connessioni internet che cambiano frequentemente i propri indirizzi IP; ciò crea un problema se gli operatori di tali proprietà desiderano assegnare a una risorsa ospitata un nome di dominio specifico, che deve quindi archiviare un indirizzo IP in record Domain Name System (DNS). Il DNS dinamico (DDNS) è un servizio che mantiene aggiornato il DNS con l'indirizzo IP corretto di una proprietà web, anche se tale indirizzo IP viene costantemente aggiornato.


Ad esempio, se un amministratore web gestisce un piccolo sito avente nome di dominio www.example.com e un indirizzo IP 1.2.3.4.5.6, ogni volta che un altro utente immetterà www.example.com nel proprio browser, il DNS lo indirizzerà al server allo 1.2.3.4.5.6. Se l'ISP dell'amministratore modifica dinamicamente l'IP in 1.2.3.4.5.7, un servizio DNS dinamico può aggiornare automaticamente i record DNS dell'amministratore in modo che gli altri utenti che proveranno a visitare www.example.com vadano ora all'indirizzo IP corretto.

Perché alcuni indirizzi IP cambiano?

All'inizio di Internet, gli indirizzi IP cambiavano raramente, il che rendeva la gestione dei domini molto più semplice. Ma la rapida crescita del web e dei computer domestici dotati di accesso a Internet ha determinato una carenza nella disponibilità di indirizzi IP. Ciò ha portato al protocollo DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol), che consente agli ISP di assegnare gli IP agli utenti in modo dinamico. Gli ISP manterranno in genere un pool condiviso di indirizzi IP e li assegneranno o “presteranno” agli utenti in base alle necessità, per la durata della loro connessione o fino al raggiungimento di un periodo di tempo massimo. Sebbene l'introduzione del protocollo IPV6 abbia attenuato la carenza di indirizzi IP, gli ISP utilizzano spesso il DHCP perché è più conveniente rispetto alla fornitura di IP statici.


Le grandi aziende che gestiscono i principali servizi web richiedono ai propri ISP di fornire indirizzi IP invariati o "statici" per poter operare utilizzando pratiche DNS standard. Al contrario, i servizi più piccoli tendono a vedere abbastanza frequentemente i loro indirizzi IP modificati dagli ISP, quindi richiedono una soluzione DNS dinamica per mantenere aggiornati i loro record DNS. Questi servizi più piccoli possono includere siti di piccole imprese, siti web personali, DVR e telecamere di sicurezza.

Come funziona il DNS dinamico?

Esistono numerose aziende che offrono servizi di DNS dinamico con funzionalità e tecnologie diverse. Un metodo molto comune per abilitare il DNS dinamico è quello di fornire agli utenti un software che gira sul proprio computer o router. Questo software comunica con il provider di servizi DNS dinamico ogni volta che vengono aggiornati gli indirizzi IP forniti dall'ISP, e il provider DNS dinamico, a sua volta, aggiorna il DNS con tali modifiche, fornendo aggiornamenti quasi istantanei.