Cos'è un cloud pubblico? | Differenze tra cloud pubblico e cloud privato

I cloud pubblici sono gestiti da provider di cloud terzi. Le risorse di elaborazione di un cloud pubblico sono condivise tra diversi clienti, a differenza dei cloud privati.

Share facebook icon linkedin icon twitter icon email icon

Cloud pubblico

Obiettivi di apprendimento

Dopo aver letto questo articolo sarai in grado di:

  • Definire cos'è un "cloud pubblico"
  • Comprendere la differenza tra cloud pubblici e privati
  • Esplorare i pro e i contro dell'utilizzo di un cloud pubblico

Che cos'è un cloud pubblico?

Un cloud pubblico è un servizio cloud offerto a diversi clienti da un provider cloud. Il termine "cloud pubblico" viene usato per distinguere il modello originale dei servizi cloud a cui si accede tramite Internet e il modello del cloud privato. I cloud pubblici includono servizi SaaS, PaaS e IaaS.

Come tutti i servizi cloud, un servizio cloud pubblico funziona su server remoti gestiti da un provider. I clienti di tale provider accedono ai servizi attraverso Internet.

Che differenza c'è tra un cloud pubblico e uno privato?

Differenze tra cloud pubblico e cloud privato

Un cloud privato è un servizio cloud che non è condiviso con altre organizzazioni. L'utente del cloud privato ne ha la completa disponibilità.

Un cloud pubblico invece è un servizio cloud che condivide i servizi di computing con altri clienti, anche se i dati e le applicazioni in esecuzione nel cloud di ciascun cliente rimangono invisibili agli altri utenti.

Un cloud pubblico è un po' come prendere in affitto un appartamento, mentre un cloud privato è come prendere in affitto una casa indipendente delle stesse dimensioni. La casa offre maggiore privacy, ma l'affitto sarà più alto e non costituisce l'uso più efficiente delle risorse. La manutenzione dell'appartamento viene gestita dall'amministratore del condominio, mentre sarà più arduo trovare un artigiano che venga a fare i lavori nella casa (ciò significa che sarà l'affittuario a doversi occuparsi lui stesso dei lavori).

Esistono cloud privati in hosting, sono offerti da un provider terzo, e cloud privati interni, che sono gestiti e mantenuti internamente da un'organizzazione.

Cosa si intende per "multi-tenant"?

Dato che più organizzazioni condividono un cloud pubblico, a volte saranno più organizzazioni a utilizzare contemporaneamente il medesimo server fisico. Questo si chiama "multi-tenant".

"Multi-tenant" è quando diversi clienti di un provider cloud accedono allo stesso server. Potrebbe darsi il caso che i dati di due aziende diverse siano archiviati nello stesso server, o che le elaborazioni da due applicazioni diverse possano essere eseguite nello stesso server.

Quali sono i pro e i contro dell'utilizzo di un cloud pubblico?

Vantaggi:

  • Risparmio: passare a un cloud pubblico è un modo per le aziende di ridurre i costi operativi ITi. In sostanza, così facendo si esternalizzano tali costi a un soggetto terzo in grado di farvi fronte in maniera più efficiente. I cloud pubblici inoltre costano meno di quelli privati, perché il provider cloud è in grado di massimizzare l'uso dell'hardware e i profitti vendendo i servizi a diversi clienti in contemporanea.
  • Meno gestione di server: se un'organizzazione usa un cloud pubblico, i team interni dovranno passare meno tempo a gestire i server rispetto a quanto fanno per datacenter legacy in locale o per cloud privati interni.
  • Sicurezza: molte aziende di medie o piccole dimensioni potrebbero non avere le risorse per implementare solide misure di sicurezza. Utilizzando un servizio di cloud pubblico, queste possono esternalizzare alcuni aspetti della sicurezza informatica a un provider più grande dotato di più risorse.

Svantaggi:

  • Preoccupazioni relative alla sicurezza e alla conformità: la soluzione "multi-tenant" potrebbe dare luogo a delle preoccupazioni per le aziende che devono soddisfare degli standard di conformità normativa molto severi. Il multi-tenant stesso porta con sé un bassissimo rischio di perdita di dati ma che potrebbe essere un rischio maggiore di quanto non siano disposte a sostenere alcune aziende in campi specializzati (in realtà il rischio è minuscolo: la maggior parte dei provider cloud si attengono a standard di sicurezza estremamente elevati). E, infine, può essere difficile implementare le stesse politiche di sicurezza per le risorse interne di un'organizzazione e per un cloud pubblico che è in parte al di fuori del controllo dell'organizzazione stessa (specialmente durante una migrazione al cloud).
  • Lock-in fornitore: questo aspetto è sempre una delle preoccupazioni relative alla tecnologia cloud. Un'organizzazione che usa il cloud risparmierà e diventerà più flessibile, ma potrà anche dipendere di più dai servizi del fornitore cloud (le macchine virtuali, l'archiviazione, le applicazioni e le tecnologie che fornisce) per riuscire a mandare avanti le proprie operazioni.

Cosa significano "multi-cloud" e "cloud ibrido"?

Le implementazioni multi-cloud e cloud ibrido entrambe incorporano i cloud pubblici:

  • Multi-cloud si riferisce all'utilizzo simultaneo di diversi cloud pubblici.
  • Le implementazioni cloud ibrido uniscono uno o più cloud pubblici a un cloud privato o a un'infrastruttura in locale.

In che modo può Cloudflare aiutare le organizzazioni che usano cloud pubblici?

Per i clienti Cloudflare, la rete Cloudflare si colloca davanti ai cloud pubblici per una maggiore sicurezza e migliori prestazioni. Il traffico di rete proveniente dagli utenti finali viene instradato al datacenter Cloudflare più vicino e ogni datacenter esegue tutti i prodotti Cloudflare, riducendo la latenza e filtrando il traffico dannoso. Per le organizzazioni che vogliono integrare anche un datacenter in locale, un cloud privato o diversi cloud pubblici, Cloudflare supporta anche il cloud ibrido, il multi-cloud o qualsiasi altro tipo di infrastruttura. Inoltre, Cloudflare riduce al minimo il rischio che si verifichi il lock-in fornitore, dato che agisce da singolo piano di controllo per diverse funzioni essenziali, tra cui DNS, crittografia SSL/TLS, protezione DDoS e caching CDN.